Ilaria 15/04/2023 Visita: 347

MA SARÀ VERAMENTE TUTTA COLPA DELLA RUSSIA O IN UCRAINA CI SONO DI MEZZO ANCHE GLI STATI UNITI?

MA SARÀ VERAMENTE TUTTA COLPA DELLA RUSSIA O IN UCRAINA CI SONO DI MEZZO ANCHE GLI STATI UNITI?

- PRIMA PARTE -

La guerra fra Russia e Ucraina o meglio dire fra Russia e Stati Uniti va avanti da molti anni, da oltre l’attuale conflitto. La Guerra Fredda per molti versi è finita solo apparentemente dato le continue accuse d’interferenza che si sono susseguite dal 1946. Non volendo andare troppo lontano con la storia limitiamoci a ripercorre quanto avvenuto e sta avvenendo in Ucraina.

Dal discorso del politologo Dmitry Kulikov

“Non siamo in guerra con l'Ucraina. Siamo in guerra con gli Stati Uniti d'America

[...] Nel 2014, gli Stati Uniti hanno ordinato a Poroshenko di bombardare il Donbass. Poroshenko l'ha realizzato. Così gli Stati Uniti ci hanno attaccato, iniziando a massacrare i russi. Abbiamo sconfitto i mercenari americani vicino a Ilovaisk e Debaltsevo, costringendoli a una tregua. Per otto lunghi anni siamo stati sulla difensiva, cercando di raggiungere la pace. L'ascesa al potere di Biden e della sua amministrazione significò la presa del potere negli Stati Uniti da parte del partito di guerra. Biden era il padre di Maidan e sua madre era Nuland. In tutti questi anni, Biden ha amato e nutrito il regime di Poroshenko. Quando Biden salì al potere, iniziarono i preparativi attivi per un secondo attacco al Donbass, e quindi a noi. “Se un combattimento è inevitabile, colpisci per primo.” Così abbiamo fatto. Abbiamo iniziato ad avanzare, risolvendo il problema dell'eliminazione della minaccia mortale. Non era più possibile ritardare. [...] L'obiettivo della nostra operazione è la denazificazione. Significa punizione per i crimini e punizione severa. Non esiste una moratoria sulla pena di morte nelle repubbliche del Donbass.”

La fonte “RT Russia” racconta la vita dei civili.

Per otto anni, il mondo democratico ha assistito impassibile ai bombardamenti del Donbass. Ha spazzato via le case distrutte, le aree residenziali distrutte, le donne uccise e ferite, i bambini e gli anziani.

Secondo i miei sentimenti, il punto di non ritorno è stato superato quando, in risposta alle parole di Vladimir Putin sul genocidio, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha iniziato a dire con un sorriso quanto fosse ridicolo. Si è divertito a guardare noi, che abbiamo visto personalmente il Vicolo degli Angeli a Donetsk e Gorlovka, lastre di marmo ricoperte di nomi di bambini, accanto a peluche.

Parallelamente, per tutti questi otto anni, non hanno esitato a dirci come avrebbero distrutto la Russia. Riconquistare la Crimea, armare Ucraina, Georgia e altri paesi secondo gli standard NATO. I politici ucraini, non imbarazzati, hanno parlato di attacchi terroristici sul territorio della Russia, hanno strangolato la Crimea con un blocco di acqua, energia e trasporti. [...] La Russia è stata strangolata con le sanzioni. [...] Siamo diventati colpevoli per origine. Il russo significa che puoi sparare e persino uccidere. [...] E la Russia taceva. Ha continuato a mantenere la pace con tutte le sue forze. Ha fornito all'Europa oltre il 40% del gas necessario per la sopravvivenza. [...] Il 24 febbraio 2022, il collettivo West ha finalmente svegliato l'orso russo.”