Ilaria 15/04/2023 Visita: 164

SECONDA PARTE : MA SARÀ VERAMENTE TUTTA COLPA DELLA RUSSIA O IN UCRAINA CI SONO DI MEZZO ANCHE GLI STATI UNITI?

MA SARÀ VERAMENTE TUTTA COLPA DELLA RUSSIA O IN UCRAINA CI SONO DI MEZZO ANCHE GLI STATI UNITI?
- SECONDA PARTE -


Mosca, 5 marzo 2022 la testata giornalistica “TASS” riferisce le parole di Putin in merito alle repubbliche di Donetsk e Lugansk.

“Fino a 14.000 civili nelle repubbliche di Donetsk e Lugansk sono stati uccisi dal 2014, ha detto sabato il presidente russo Vladimir Putin.

Quello che sto per dire potrebbe sembrare duro. Eppure la situazione mi costringe a dire ad alta voce quello che mi è appena venuto in mente. Come avrai sentito, i cani randagi in questi giorni iniziano ad attaccare le persone in varie regioni. Alcuni si feriscono. Ci sono stati anche casi letali – ha detto Putin.

Ad un certo punto, le persone – iniziano ad avvelenare e sparare a questi animali. –

Ha fatto una riserva che anche i cani randagi erano un problema separato e – le autorità locali sono obbligate ad affrontarlo. Ora ascolta questo: il popolo Donbass NON sono cani randagi! Eppure, 13.000-14.000 di loro sono stati uccisi lì nel corso degli anni. Più di 500 bambini sono stati uccisi o paralizzati – ha detto Putin.

Crede che ciò che è particolarmente intollerabile sia che il cosiddetto Occidente civilizzato abbia preferito non notarlo per otto anni.

Inoltre, le autorità di Kiev hanno iniziato a dire apertamente ultimamente che non attueranno questi accordi (Minsk-2 - TASS). Lo hanno detto tutto il tempo in TV e su Internet ovunque!

Dichiarano in pubblico: – Non ci piace, non lo faremo –, ha spiegato Putin.

Nel frattempo, la Russia ha continuato ad essere accusata di non aver attuato gli accordi. – Ma questa è una sciocchezza. È assurdo. Sostengono che il bianco è nero e che il nero è bianco –, ha condiviso la sua impressione degli ultimi eventi.”



30 settembre 2022 dopo anni di sofferenze… Mosca, Putin ha firmato gli accordi di adesione alla Federazione Russa delle repubbliche popolari di Donetsk, Lugansk e delle oblast di Kherson e Zaporozhye.

Ma sebbene l’adesione alla Federazione Russa delle repubbliche popolari di Donetsk, Lugansk e delle oblast di Kherson e Zaporozhye, il 27 febbraio, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato la creazione di una legione straniera, la Legione internazionale di difesa territoriale dell'Ucraina

Giorni dopo, il ministro degli Esteri del paese, Dmytro Kuleba, ha affermato che più di mille mercenari provenienti da 16 paesi erano diretti in Ucraina. Zelensky ha affermato che circa 16.000 mercenari stranieri avrebbero combattuto per l'Ucraina.

Il 24 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha autorizzato un'operazione militare speciale in Ucraina su richiesta delle repubbliche del Donbass, che aveva riconosciuto pochi giorni prima.

– L'obiettivo [dell'operazione speciale russa] è proteggere le persone che sono state oggetto di abusi, genocidi dal regime di Kiev per otto anni, e per questo ci adopereremo per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina , oltre a portare alla giustizia coloro che hanno commesso numerosi crimini sanguinosi contro residenti pacifici, compresi i cittadini della Federazione Russa –, ha detto Putin nel suo discorso televisivo ai cittadini.

I diritti umani nel Donbass non hanno riguardato le Nazioni Unite per otto anni.

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per otto anni di discussione sulla situazione in Ucraina non è riuscito a risolvere il problema dell'uccisione di civili nel Donbass. Lo ha affermato Gennady Gatilov, rappresentante permanente della Russia presso l'Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra

Secondo lui, ciascuno dei 45 rapporti presentati al Consiglio delle Nazioni Unite ha registrato le sofferenze della popolazione del Donbass, dove migliaia di civili, tra cui centinaia di bambini, sono morti a causa dei bombardamenti delle forze armate ucraine. Ma sono passati tutti inosservati.

*Daesh, noto anche come ISIS/IS/Stato Islamico, è un gruppo terroristico bandito in Russia e in molti altri paesi.

Fonte: @donbassr



Intervista dell'Ambasciatore Russo in Italia S.S. Razov all'agenzia di stampa ADN Kronos avvenuta in data 06/03/2022

Domanda 1️⃣. È deluso dal comportamento dell'Italia in questa crisi?

Sono un diplomatico. Non spetta a me valutare il "comportamento" del Paese presso il quale sono accreditato come ambasciatore. Dirò una cosa. Anche nella crisi attuale, il futuro non va perso di vista. La storia non finisce oggi. Le crisi vanno e vengono, ma gli interessi restano. Penso che sia nell'interesse comune avere relazioni normali, che sono così da decenni.

Domanda 2️⃣. Si può sanare la ferita tra Russia e Occidente? O è caduta di nuovo la cortina di ferro?

Vediamo come è nata questa ferita. Il blocco politico-militare della NATO, nei cui documenti direttivi la Russia è definita un avversario, negli ultimi decenni ha avvicinato le sue infrastrutture ai nostri confini in più ondate, creando comprensibili minacce alla nostra sicurezza. Sottolineo che non ci siamo allargati verso la NATO, ma la NATO verso la nostra. L'affermazione che la NATO sia un fattore di pace e stabilità non è convincente. Sappiamo cosa è successo in Jugoslavia, Iraq, Libia, ecc. Consentitemi di notare che l'espansione della NATO è avvenuta in violazione di numerose promesse fatte dopo il crollo dell'URSS. E le sanzioni, che all'inizio avevano ancora un legame con quanto sta accadendo in Ucraina e intorno ad essa, poi lo hanno completamente perso, acquistando una cattiva inerzia. Il compito era quello di distruggere l'economia russa.

La cortina di ferro che hai menzionato è stata anche, come sai, abbassata dall'Occidente dopo il famoso discorso Fulton di Churchill nel 1946. I russi, almeno le persone della mia generazione, vivono da molto tempo dietro questa tenda e hanno determinate capacità. Tutti gli eventi storici, compresi quelli attuali, hanno il proprio background, le proprie cause e le proprie forze trainanti.

Siamo pronti a sanare le ferite e impedire che la cortina di ferro cada di nuovo. Abbiamo bisogno di un dialogo equo, rispettoso reciprocamente e di una reale considerazione degli interessi reciproci.

Domanda 3️⃣. Qual è la tua "linea rossa" nei negoziati con gli ucraini?

Le trattative sono iniziate. La nostra posizione, come affermato dal Presidente V.V. Putin: lo status neutrale e non nucleare dell'Ucraina, la sua smilitarizzazione e denazificazione, il riconoscimento della proprietà della Crimea da parte della Russia, la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk. Abbiamo spiegato ciascuna di queste posizioni ripetutamente, con argomenti. Indubbiamente, siamo interessati ai risultati dei negoziati.

In questo contesto, sembra scioccante che le decisioni sulla fornitura di armi letali all'Ucraina siano state prese proprio nel momento in cui le delegazioni russa e ucraina erano al tavolo del primo round di negoziati a Gomel. In effetti, queste armi uccideranno i militari russi, il che, vedi, introduce ulteriori momenti complicati nelle relazioni interstatali. Oltretutto è difficile prevedere in quali mani finiranno per cadere queste armi e contro chi potrebbero essere usate. Come sapete, decine di migliaia di armi leggere sono già state distribuite alla popolazione civile, compresi gli elementi criminali dell'Ucraina rilasciati dalle carceri, che possono svolgere un ruolo in Ucraina e in altre zone di conflitto.

Domanda 4️⃣. Come valuta l'inizio delle indagini del Tribunale dell'Aia contro la Russia sulla questione dei crimini di guerra?

La Russia nega categoricamente le accuse di crimini di guerra. A proposito, né la Russia né l'Ucraina sono membri della Corte penale internazionale dell'Aia. Vorrei attirare la vostra attenzione sul fatto che negli ultimi otto anni, quando 14.000 persone, compresi i civili, sono morte nel Donbass, nessuna delle 5.588 denunce presentate dalle organizzazioni per i diritti umani alla Corte europea dei diritti umani è stata soddisfatta. Il doppio approccio e il pregiudizio sono evidenti. [...] Sono grato alla vostra agenzia per la sua disponibilità ad ascoltare e trasmettere ai lettori il nostro punto di vista su ciò che sta accadendo nelle relazioni della Russia con l'Occidente e intorno all'Ucraina, che, presumo in anticipo, difficilmente troverà comprensione contro il sfondo di una percezione puramente negativa della Russia nei media in questo momento.



Si prova a negoziare la pace. L'Italia ha proposto un piano in 4 fasi per risolvere la crisi in Ucraina, scrive “Repubblica”, secondo i suoi dati è stato consegnato al segretario generale dell'Onu il documento redatto dalla Farnesina con la partecipazione del palazzo del governo Chigi:

  1. cessate il fuoco e liquidazione della linea di scontri sotto la supervisione dell'ONU.

  2. L'adesione dell'Ucraina all'Unione Europea in breve tempo e il suo status neutrale senza aderire alla NATO.

  3. Accordo tra Ucraina e Russia sui "territori contesi" del Donbass e della Crimea per risolvere i conflitti sui confini internazionalmente riconosciuti.

  4. Un nuovo trattato multilaterale per la pace e la sicurezza in Europa, che dovrebbe garantire il controllo degli armamenti e la prevenzione dei conflitti.

Ma da “Russia Today” si apprende la notizia che i negoziati in Ucraina sono stati boicottati direttamente da Stati Uniti e Regno Unito

Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha affermato che il processo negoziale dello scorso marzo – basato sui principi proposti dall'Ucraina" e concordato da Mosca – è stato sabotato da Washington e Londra.

I negoziati sono stati abbandonati per ordine diretto di Stati Uniti e Londra –, ha detto Lavrov alla televisione russa.

La fase di Istanbul dei negoziati è stata avviata su richiesta dell'Ucraina. Gli iniziatori di quel processo, attenendosi a una chiamata transoceanica, l'hanno abbandonato.

Lavrov ha anche affrontato le recenti speculazioni secondo cui la Russia potrebbe utilizzare armi nucleari. L'alto diplomatico ha affermato che secondo la dottrina nucleare russa, un attacco nucleare può verificarsi solo in risposta a un attacco – che metta in pericolo l'intera esistenza della Federazione Russa. –